Elisa live @ Mediolanum Forum – Milano (27.11.19)
Comments Off

Elisa live @ Mediolanum Forum – Milano (27.11.19)

LIVE

Mercoledì 27 novembre ha fatto tappa a Milano Diari Aperti Live, la tournée nei palasport che terrà impegnata Elisa fino a metà dicembre. AstronaveMusica, presente all’evento, vi racconta uno degli spettacoli più belli e completi di questa stagione musicale.

Il concerto di Elisa al Mediolanum Forum di Milano non poteva che essere un successo. D’altronde i presupposti c’erano tutti: un’artista eclettica dalla voce formidabile, un repertorio variegato che ha dato il suo prezioso contributo alla musica italiana ed infine un periodo, quello del suo ultimo album di inediti Diari aperti, che da un anno continua a regalare soddisfazioni all’artista bisiaca. Pubblicato nell’ottobre 2018 e certificato disco di platino grazie anche al traino di diversi singoli di successo, l’album è stato promosso in primavera con una prima fortunata tranche di spettacoli nei teatri italiani. Con l’arrivo dell’autunno Elisa è quindi tornata alla dimensione live per Diari aperti segreti svelati, una riedizione contenente nuovi duetti e brani inediti.

Insomma, ancora oggi, dopo vent’anni, Elisa continua a dare dimostrazione dell’incontenibilità del suo talento. Eppure ancora oggi, dopo vent’anni, Elisa riesce a dar voce a quel suo spirito di eterna ragazza che ha saputo tenere stretto a sé, a quell’animo umile e giocoso che vive sul palco e si nutre di musica. E accade quindi che a pochi minuti dall’inizio Elisa non si nasconda nel backstage ma decida di salire da sola sul palco per presentare Michael Leonardi, opening act della serata nonché promessa della Sugar. E l’inizio effettivo non è tanto diverso: a dare il via allo show è una toccante Quelli che restano cantata davanti al sipario e nel buio quasi più totale.

L’esperienza di Elisa però traspare dalla scaletta del concerto: strutturata ingegnosamente, non è solo un ottimo compromesso fra i suoi grandi classici e le novità in promozione, fra inglese ed italiano, ma anche un viaggio in continuo crescendo. Si inizia con i brani nuovi e lenti suonati al piano, ballad romantiche dall’atmosfera magica, quasi fiabesca, fino ad arrivare momenti intensissimi come quelli su Eppure sentire (un senso di te). È incredibile come Elisa riesca a rendere l’intimità di queste canzoni di fronte a più di 10.000 persone.

Canzone dopo canzone si passa poi a ritmi sempre più movimentati. Per l’occasione rivede il palco anche The Waves, piccola perla elisiana datata 2005. Elisa si muove, balla, suona e duetta ininterrottamente con il pubblico. Perché a rendere speciali i suoi concerti sono anche loro, i suoi fun (rigorosamente con la u) che la seguono irrimediabilmente sia in tour che durante le canzoni, parola per parola. Ed Elisa, che lo sa bene, non può far a meno di cedergli virtualmente il microfono non appena gli animi si scaldano. Basterebbe vedere il trasporto con cui il pubblico balla L’anima vola e No Hero: una distesa immensa di braccia si leva deliberatamente al cielo ed ondeggia a ritmo. Sempre merito del funclub è la suggestiva scenografia ideata per Rainbow, durante la quale le torce dei cellulari nel Forum si sono illuminate di mille colori.

In poco più di due ore di concerto Elisa riesce a rimanere vocalmente impeccabile quasi fino alla fine. Un talento eccezionale dicevamo, fluido, la cui poliedricità non sta solo nelle sue inarrivabili sinusoidi vocali o nella sua versatilità strumentale, ma anche nei suoi testi, nelle tematiche che canta: si va dall’amore, furioso o riservato, quello per i figli (Promettimi) o per il compagno (Anche fragile) all’amicizia di Rainbow, passando per la famiglia con Stay e Heaven out of Hell e le prese di coscienza (Ogni istante). C’è poi tutto uno spazio dedicato a tematiche sociali come la violenza sulle donne (In piedi) e la questione ambientalista (A Prayer).
La verità è che a conti fatti Elisa rimane ancora oggi una delle più solide realtà musicali che l’Italia ha da offrire, o quanto meno una delle più coerenti, sempre fedele a se stessa ma mai in ostaggio del passato. Lei, che non deve più dimostrare niente a nessuno, può permettersi il lusso di continuare a stupire.

SCALETTA:

  • Quelli che restano
  • Promettimi
  • Anche fragile
  • Tua per sempre
  • Blu Part II feat. Rkomi
  • Eppure sentire (un senso di te)
  • Heaven out of Hell
  • Luce (tramonti a nord est)
  • The Waves
  • Ogni istante
  • My America
  • In piedi
  • Walk with me (inedito di Jessica Childress)
  • Se piovesse il tuo nome
  • L’anima vola
  • Stay
  • A Parallel World
  • Rainbow
  • A Prayer
  • Vivere tutte le vite (duetto virtuale con Carl Brave)
  • Medley Broken + Labyrinth + Cure Me
  • No Hero
  • Soul
  • Together

 

  • Gli ostacoli del cuore
  • A modo tuo
AstronaveMusica - Copyright © 2016

Search

AstronaveMusica - Copyright © 2016 All Rights Reserved

Back to Top