Gnut al Convento dei Cappuccini per la rassegna “Noir In Tour”
Comments Off

Gnut al Convento dei Cappuccini per la rassegna “Noir In Tour”

Next

Prosegue con successo la rassegna musicale ed artistica itinerante Noir In Tour, giunta alla sua quinta tappa. Ideata dal Noir Cafè di Campagna (SA) e affidata alla direzione artistica di Revolver Concerti, la rassegna ha il nobile intento di restituire vita e prestigio ai tanti siti storico-culturali della nostra terra mediante eventi musicali ed artistici.

Teatro del nuovo appuntamento, previsto Sabato 5 Ottobre 2019, sarà il Convento dei Cappuccini a Campagna (SA), edificio del Sedicesimo Secolo e vero e proprio tesoro della nostra terra.

Ospite dell’evento sarà il cantautore, produttore e compositore di colonne sonore napoletano Gnut, al secolo Claudio Domestico, una tra le migliori voci del cantautorato contemporaneo ed attualmente in tour con il suo ultimo disco solista Hear My Voice Ep (prodotto da Piers Faccini) e con il lavoro L’orso ‘nnammurato, libro disco di sessantasei poesie realizzato a quattro mani con Alessio Sollo. Il cantautore, perfettamente in equilibrio tra folk americano, canzone napoletana e musica nera, ha ricevuto negli anni innumerevoli riconoscimenti dalla critica e un crescente amore da parte del pubblico, varcando più volte anche i confini nazionali. Inoltre, il suo brano Controvento  fu richiesto per la colonna sonora del film di animazione L’Arte della Felicità, presentato al Festival del Cinema di Venezia nel 2013.

Oltre al concerto del noto artista campano, l’evento prevede il dj set di Frizzy Pazzy, nome storico delle dance hall salernitane e attualmente dj resident di “Dance With The Devil” e della Salerno Reggae Family, e anche la collettiva fotografica Lost Places, ideata e curata da Rossana Buccella. La mostra, dedicata ai luoghi abbandonati, annovera le opere di Alexandra Di Donato, Angela Arena, Annalisa Celli, Annarita Naponiello, Fabio De Michele, Francesco Nunziante, Nicola Di Maio, Rocco Galluzzi e Sara Stabile, oltre al video targato Urbex MJ. “Molti luoghi meritano l’abbandono o la demolizione inesorabile, altri una seconda vita, altri di diventare memoria“, questo l’incipit della collettiva in mostra presso un luogo non più perduto.

AstronaveMusica - Copyright © 2016

Search

AstronaveMusica - Copyright © 2016 All Rights Reserved

Back to Top