Morgan live @ Black & White – S. Giorgio del Sannio (24.8.19)
Comments Off

Morgan live @ Black & White – S. Giorgio del Sannio (24.8.19)

LIVE

Forse ai più superficiali potrebbe sfuggire ma la verità è che Morgan è una persona semplice. Ce ne accorgiamo quando lo vediamo mangiare zucchero filato durante il concerto, quando scherza con la band, quando fa quegli stupidi giochi di parole che tanto lo divertono. “Tutto Bene? Cosa ti porta a Benevento? Carmelo Bene?” è più o meno così infatti che ha congedato il pubblico della provincia beneventana accorso a vederlo durante la Notte Bianca.

Lo spettacolo ha avuto luogo – più precisamente – a San Giorgio del Sannio dove ha preso vita l’evento denominato Black & White per simboleggiare metaforicamente un clima di inclusione a 360 gradi. E anche per quanto riguarda la scelta artistica per la manifestazione il comune ha avuto la mente aperta vedendo in Morgan un esempio di quell’arte che “salverà il mondo” e nient’altro: a fine serata gli è stata anche regalata un’opera di un artista locale che è stata sinceramente apprezzata: “Wow, ma è bellissimo” ha esclamato lui, aggiungendo “Non intendo il soggetto, intendo il ritratto” mostrando il suo volto raffigurato su un grande quadro.

E se per raccontare la serata siamo partiti dalla sua conclusione non è un caso dal momento che è stato un live all’incontrario. La prima canzone è stata infatti Altrove che in genere è quella che viene usata per chiudere e quindi da lì Morgan ha scherzosamente annunciato che con i suoi musicisti avrebbe eseguito la scaletta capovolta. L’artista dunque non era solo (nonostante sia comunque passato più volte dal basso al pianoforte suonando pure un po’ la batteria) ma era accompagnato dalla band: con lui c’erano i già conosciuti MegaHertz e Marco Santoro insieme ai Lombroso cioè Dario Ciffo (ex Afterhours) e Agostino. L’eclettico spettacolo che tutti loro hanno messo in scena ha spaziato da Lucio Battisti ad Elvis Presley passando per l’immancabile Bowie e un gran bel tributo a De André. Sempre presenti anche pezzi come L’Assenzio o La Crisi ma anche Cieli Neri, The Baby per poi concludere (o iniziare) con Altre FDV.

Tutti i brani in scaletta (che fossero in ordine o meno) sono stati i pezzi di un puzzle culturale che ci ha dato modo di imparare tanto grazie all’immenso sapere di chi si trovava sul palco non solo a cantarli e a suonarli ma anche a spiegarne l’esegesi, dimostrandoci ancora una volta di essere – prima di tutto il resto – un grandissimo artista.

AstronaveMusica - Copyright © 2016

Search

AstronaveMusica - Copyright © 2016 All Rights Reserved

Back to Top